Psicologia dei colori nel marketing: 3 casi studio

Psicologia dei colori nel marketing
Annalisa Toniatti on 18 luglio 2017 - 14:13 in Marketing e Advertising
Share
Psicologia dei colori nel marketing: 3 casi studio
5 (100%) 2 votes

L’84,7 % delle persone afferma che è il colore a guidare il loro processo di acquisto. 

Alcune ricerche rivelano che le persone giudicano a livello sub-conscio un articolo in soli 90 secondi. Il risultato di questo giudizio dipende tra il 62% ed il 90% solamente dal colore. Per approfondire, ve ne ho parlato in questo post qualche mese fa > Qual è il colore giusto per il mio brand?  

Per questo motivo scegliere il colore giusto per il proprio brand diventa un aspetto fondamentale della propria strategia di marketing. Spesso è proprio questo che determina il successo o l’insuccesso di una nuova azione nel mercato. Ma iniziamo a parlare più nello specifico. 

Quali sono effettivamente i colori più scelti ed utilizzati dalle aziende? I brand più famosi al mondo per il 33% usano il colore blu (provate a pensare a Facebook o twitter), il 29% il rosso, il 28% il nero e solo il 13% il giallo. Ogni colore ha un’importanza strategica e commerciale che veicola non solo il settore di appartenenza dell’azienda ma anche i suoi valori più profondi, come ci si vuole mostrare al mercato e cosa trasmettere al consumatore. 

 

prodotti-colore

Ogni colore ha un significato ed un’importanza strategica. Ogni colore evoca un’emozione, un ricordo, un’associazione mentale che ogni brand deve tenere in considerazione per una buona strategia di marketing. Ma per essere più chiari, ho raccolto in rete alcuni esempi di brand famosi. Ecco come hanno scelto il colore giusto MCDonald’s, Starbucks e Fanta.

Come le grandi aziende scelgono il proprio colore

Il caso McDonald’s

 

 

 

 

 

I colori scelti da McDonald’s sono il Rosso ed il Giallo. Due colori primari che hanno molto appeal sui bambini. Il Giallo, colore della gioia e dell’ottimismo è usato specialmente per creare un’atmosfera di positività intorno al brand, che viene richiamato anche dal claim “I’m lovin’it”. Il rosso, invece, è indicato per indurre un senso di appetito insieme ad un senso di urgenza.  I due colori insieme inoltre, creano un senso di agitazione, facilitando il turnover. Anche la famosissima mascotte non è scelta a caso. Il clown dal vestito rosso e giallo è sinonimo di energia ed ha un grande appeal visivo nei bambini.

mcdonalds

 

Ma non solo MCDonald’s è gialla e rossa! Ecco altri esempi di brand famosi che hanno utilizzato questi due colori: 

loghi-giallo

Il caso Starbucks

 

 

 

 

 

 

 

Starbucks, una delle più famose catene di caffetterie al mondo usa come colore primario il verde. Il verde, infatti, è un colore che promuove un senso di relax, invitando i clienti a prendersi una pausa dallo stress e dalla routine quotidiana. Anche la sua mascotte – si tratta di una sirena stilizzata con due code – stimola i clienti ad associare il brand alla natura, all’ecosostenibilità ed all’ambiente. 

 

starbucks-logo

 

 

Ed ecco altri brand che hanno scelto il colore verde per il loro logo:

loghi-verde

 

Il caso Fanta

 

 

 

 

 

 

 

In questo caso il colore principale e primario del brand è l’arancione. Un colore sicuramente gioioso e caldo, che stimola l’impulso dell’acquisto nelle persone che sono attratte dai colori brillanti.

fanta-logo

Ecco altri brand che hanno scelto l’arancione come colore per il proprio brand:

loghi-arancione

 

Ma potremmo fare davvero molti altri esempi! E voi, avete qualche logo del quale volete parlarci? Qual è il colore del vostro brand aziendale? E perché lo avete scelto? 

Sharing is caring!

0 POST COMMENT
Rate this article
Psicologia dei colori nel marketing: 3 casi studio
5 (100%) 2 votes

Rispondi