6 consigli del MoMa per migliorare il vostro Bookshop

bookshop-museo
Annalisa Toniatti on 13 gennaio 2015 - 11:00 in Arte e cultura, Gadget, Marketing e Advertising
Share
6 consigli del MoMa per migliorare il vostro Bookshop
5 (100%) 2 votes

Quella del Bookshop non è sicuramente una tradizione italiana, qui l’arte raramente trova un canale di sbocco nel consumo. Ormai in quasi tutti i musei si trova l’angolo dedicato ai gadget ma spesso viene ignorato. Infatti, chi visita un museo non dà quasi mai peso agli oggetti esposti in questo spazio, a meno che non sia alla ricerca di libri.

Spesso i gadget sono visti quasi come un “peso” da gestire anche dalle realtà culturali e musei che non reputano loro una parte importante né dal punto di vista della cultura, né da quello dei guadagni. Ma la verità è un’altra.

Basta analizzare il caso più famoso e di successo: lo shop del MoMa di New York che vanta un guadagno annuo di più di 80 milioni di euro (circa il 20% del fatturato) contro i 22,6 milioni guadagnati dai 100 musei statali italiani. Il negozio ha addirittura avuto così successo che ora ha diverse sedi, oltre a quella sulla Fifth Avenue dove si trova il Museo. Ha inoltre un sito web con un e-commerce visitatissimo dove è possibile trovare e comprare moltissimi oggetti di design, introvabili da qualsiasi altra parte. 

Se state pensando di seguire il suo esempio, ecco per voi 6 consigli del MoMa per scegliere e gestire il merchandising del museo:

  1. Scegliete oggetti pertinenti con la collezione dell’istituto o del patrimonio culturale della regione in cui il negozio è ubicato. E’ importante anche seguire il clima, le stagioni e cambiare alcuni degli oggetti venduti periodicamente. Stare sempre attenti alla domanda del mercato in qualsiasi momento, adattando la propria offerta di volta in volta. Ad esempio ecco le collezioni che abbiamo creato per il MuSe – il nuovo museo di scienze di Trento: alla linea “istituzionale” dove abbiamo scelto oggetti promozionali tradizionali con il logo, abbiamo unito gadget diversi in base alla stagionalità, alle mostre ospitate ed al target. Ve li presento di seguito – per approfondire potete visualizzare tutti gli oggetti promozionali sul nostro sito web a questo link: Gadget MuSe

LINEA ISTITUZIONALE – alcuni dei gadget creati per il bookshop del MuSe (Per approfondire > Gadget MuSe)

LINEA CREATA PER LA MOSTRA “EX AFRICA. Esplorazioni di arte e scienza by Jonathan Kingdon(di cui ve ne ho parlato qui

LINEA “INVERNALE/NATALIZIA” (Alcuni dei gadget)

 

  1. Vendete oggetti di ogni fascia di prezzo, con un’occhio attento alla loro qualità ed utilità. Noi offriamo una vasta gamma di categorie di prodotti, da quelli immancabili come libri, manifesti, prodotti di cancelleria, a piccoli oggetti da tavolo, per la cucina, mobili e illuminazione, prodotti da scrivania e per bambini, gioielleria, abbigliamento e accessori personali, in pratica dalla matita allo sdraio, a pezzi da costruzione, a sciarpe. 

  2. Proponete anche oggetti di “buon design“, innovativi nel materiale e nella funzione, rifiutando gli stereotipi di stile in favore di un’elegante soluzione ad un particolare problema. Ecco alcuni esempi in vendita nel Bookshop del MoMa

    bonsai-kit

    Bonsai Forest Growing Kit

    champagne-glasses

    Inside Out Champagne Glasses

    glass-pot

    Glass pot

    instant-lab-photo

    The Instant Lab transforms any digital image from your iPhone or iPod Touch into a real analog instant photo right before your eyes.

  3. Disponete gli oggetti in modo creativo. Puntate su un buon visual merchandiser. E’ inutile vendere degli oggetti bellissimi e non mostrarli. Chi li compra? Ecco una foto della disposizione di uno degli shop del MoMa.

  4. moma-store-1

  5. Fate in modo che gli oggetti che vendete vengano capiti senza bisogno di spiegazioni. Ogni oggetto deve essere compreso dal pubblico, in modo che possa usufruirne al meglio. 

  6. Puntate anche su un “buon” sito internet. Esso è la vetrina della propria attività. E’ controproducente risparmiare su questo: deve essere responsive, tradotto in varie lingue ed avere una buona assistenza clienti sia per gli acquisti che per il post-vendita. 

Volete un consiglio completamente personalizzato sulla vostra realtà? Possiamo aiutarti! Uno dei nostri grafici vi affiancherà per tutto il processo di selezione, ordine e personalizzazione degli articoli promozionali per un risultato finale mai banale e sicuramente creato ad hoc per voi. 

Contattaci per saperne di più, ti risponderemo entro 24 ore. 

 

Sharing is caring!

5 POST COMMENT
Rate this article
6 consigli del MoMa per migliorare il vostro Bookshop
5 (100%) 2 votes

Rispondi

5 Comments