Qual è il formato adatto del logo per la stampa?

Il logo GIUSTO per la stampa
Annalisa Toniatti on 20 febbraio 2018 - 10:59 in Marketing e Advertising, Tecniche di stampa
Qual è il formato adatto del logo per la stampa?
5 (100%) 1 vote

Ce lo chiedete molto spesso. E’ una domanda alla quale rispondiamo praticamente con cadenza giornaliera o, ad essere più sinceri, più di una volta al giorno.

Una volta scelto il gadget promozionale più in linea con il vostro progetto, ci chiedete consigli sulla personalizzazione più adatta. A questo punto, per valutare insieme il modo più opportuno, vi chiediamo di inviarci il vostro logo. E a questo punto riceviamo una serie di loghi in formati per noi, ahimé, inutilizzabili. Per questo motivo in questo post abbiamo scelto di elencarvi tutti i formati di loghi non adatti alla stampa e ve ne spieghiamo brevemente anche il motivo.

Il giusto formato di logo per la stampa

Ve lo diciamo subito, così tagliamo la testa al toro. Non vanno bene per la stampa i seguenti formati:

–       png, .jpeg, .gif e tutti i formati bitmap;

–       .doc 

–       scanner di loghi;

–       fotografie di loghi

Il formato giusto per la stampa è di tipo vettoriale. Quindi, il logo deve essere fatto in un programma di grafica apposito che solitamente (per diffusione) è Adobe Illustrator o CorelDRAW. Questo per garantirvi un risultato professionale, pulito e preciso.

Come capite che è il formato giusto?

Tendenzialmente i formati vettoriali hanno un nome che termina con un indicatore di formato come “.ai”, “.pdf” o “.eps”.

Se non siete sicuri fate questo semplice test. Aprite il file contenente il vostro logo e provate ad ingrandirlo più che potete. Il logo inizia a sgranarsi o a sembrare meno nitido? Ok, il vostro logo è in formato bitmap. Se il file, invece, anche ingrandito innumerevoli volte mantiene la stessa qualità, perfetto! Avete il file giusto da inviarci per la stampa.

gadget-promozionali

Cosa significa File Vettoriale?

Un file vettoriale è un file creato non attraverso un insieme di pixel come nel caso dei formati bitmap descritti in precedenza, ma da un insieme di tracciati, curve (una serie di regole matematiche). Questo permette all’immagine di non sgranarsi mai, anche se ingrandita di moltissime volte rispetto all’originale.

file-vettoriale

Quindi, il formato è completamente diverso da un .jpeg o .gif che invece sono in formato bitmap (chiamato anche raster), ossia un’immagine formata da un insieme di pixel. Nei file in questo formato la qualità è data dal numero di pixel presenti. Più pixel vi saranno, più l’immagine avrà una qualità elevata.

Il file vettoriale, inoltre, permette di essere modificato in pochissimo tempo, cosa impossibile per qualsiasi file bitmap. Pensate ad esempio di dover partecipare ad una fiera o ad un evento e di dover stampare delle shopping bag personalizzate. Prendiamo ad esempio un logo a 3 colori come quello di seguito: 

LOGO-3-COLORI

In questo caso, per la stampa potremmo consigliarvi la serigrafia (della quale ve ne ho parlato qui). Quindi, un preventivo di un logo stampato a 3 colori, con 3 impianti stampa. I costi quindi lieviterebbero e non sempre questo è giustificato. Dipende dal budget prefissato, dall’importanza dell’evento e dalla visibilità che vorrete ottenere.
Per questo sono molti i clienti che “trasformano” il loro logo da 3 colori ad 1 solo. Questo sarebbe faticoso e quasi impossibile con un file .jpeg o bitmap mentre diventa un gioco da ragazzi con un file vettoriale.

logo-vettoriale-modifica

Cosa succede se non ho il logo in formato vettoriale?

Nessun problema! Possiamo aiutarvi senza alcun problema. Quando ci inviate il file, richiedete anche la ricostruzione del logo. Dopodiché il file rimarrà di vostra proprietà in modo da poterlo riutilizzare in qualsiasi momento per qualunque progetto.

Una soluzione definitiva, semplice ed elegante, potrebbe essere quella che adottano in genere le grandi aziende e quelle che sono attente alla gestione del logo che spesso si identifica con il brand e rappresenta il primissimo contatto con i potenziali clienti: un manuale di gestione del marchio. Si tratta di un semplice documento, non necessariamente stampato su carta (va bene anche un PDF), ma realizzato in formato vettoriale una volta per tutte e distribuito di volta in volta a coloro i quali devono maneggiare il logo aziendale per vari scopi.

Ora tocca a te, scegli il gadget che più ti piace da nostro catalogo! E personalizzalo con il tuo logo. Chiedici un consiglio oppure comunicaci un’idea! La trasformeremo in un gadget adatto alla tua realtà o evento in pochissimi passaggi! 

sfoglia-il-nostro-catalogo

Sharing is caring!

0 POST COMMENT
Rate this article
Qual è il formato adatto del logo per la stampa?
5 (100%) 1 vote

Rispondi

shares