A lezione di branding: il caso Apple

apple-logo-branding
Annalisa Toniatti on 30 luglio 2015 - 15:04 in Marketing e Advertising
Share
A lezione di branding: il caso Apple
5 (100%) 1 vote

Quando si parla di Apple non si può non nominare il suo fondatore: il visionario Steve Jobs, che ha fondato una delle aziende più famose al mondo nel “lontano”(nel mondo informatico si parla quasi di preistoria) 1976. Oggi la “mela morsicata” vale più di 652 miliardi di dollari e il suo valore sembra non diminuire, anzi continua ad aumentare esponenzialmente.

Ma come è nato il logo nel quale tanti di noi si identificano e scelgono?

Forse non tutti sapete che il primo logo della Apple non era una mela, ma un disegno molto diverso. Il concetto era un elaborato disegno in bianco e nero (disegnato da Ronald Wayne nel 1976), molto simile alle etichette americane, che rappresentava Newton seduto sotto un albero intento nella lettura circondato dalla scritta “Apple computer & co. – Newton: una mente che solca i difficili mari del pensiero”

primo-logo-apple

Logo Apple disegnato da Ronald Wayne, 1976

Che sia un caso che proprio una mela cadesse in testa a Newton invece di una pera o di una pesca, ve lo lascio stabilire a voi lettori, precisando solamente che nei miti dell’Occidente un’altra mela ha profondi significati semantici, ed è quella del Paradiso terrestre.

Qui la mela è frutto del peccato, frutto del desiderio, e ancora una volta è simbolo di rivoluzione, ma in questo caso ha connotazioni negative, e per i cattolici è una involuzione. Diverso l’atteggiamento di laici e scienziati che vedono nella storia di Adamo ed Eva l’affermazione del metodo scientifico empirico sul dogma della Religione. Possiamo comunque dire che nel caso del Paradiso la mela ha il significato di libertà, di non conformismo, di individualità, di disobbedienza e quindi di di rottura con la tradizione.

Dal punto di vista semiotico la mela in questo contesto diventa essa stessa simbolo di innovazione, rivoluzione (scientifica), lampo creativo.

Tralasciando il valore artistico che il logo poteva avere, a livello tecnico dimostrò essere un completo fallimento: la mela non si vedeva ed era impossibile da gestire a livello tecnico perché troppo dettagliato ed impossibile da rimpicciolire. Non a caso, solo un anno dopo Steve Jobs decise di affidarsi a Rob Janoff, uno dei più famosi graphic designer di quel periodo responsabile anche della progettazione di loghi come IBM e Intel, commissionandogli qualcosa di più iconico, semplice e riconoscibile.

Disegnò il logo che tutti noi conosciamo, la mela con il morso prestandosi in questo modo anche ad un gioco di parole amatissimo nel mondo nerd: infatti morso in inglese si dice “bite” che si pronuncia allo stesso modo di byte, l’unità di misura delle capacità di memoria del pc.

logo-arcobaleno-apple

Logo arcobaleno Apple disegnato da Rob Janoff

Ma perché quelle strisce arcobaleno? La storia racconta che questa sia stata una scelta di Jobs perché voleva un logo vicino alla gente, un’azienda “umana”, in grado di capire e risolvere i bisogni delle persone.

Il logo a strisce colorate di Apple è stato usato per 22 anni prima di essere sostituito con la medesima mela in versione monocromatica. La scelta fu fatta perché il logo così colorato stonava con i nuovi prodotti che volevano invece essere più eleganti e ricercati. In questo modo il logo permette ad Apple di godere di una maggiore flessibilità nell’apporre il logo ai suoi prodotti.

apple_mac

Alcuni dei prodotti Apple

Diverse sono invece le teorie sul perché Jobs abbia optato proprio per la mela. Alcuni dicono che lo scelse solo perché era il suo frutto preferito mentre altri dicono che lo fece per omaggiare la casa discografica dei Beatles la “Apple Records”, altri per Alan Turing, uno dei pionieri dell’informatica che si è suicidato in seguito al morso ad una mela avvelenata con del cianuro. La storia più recente invece dice che le proporzioni della mela rimandano alla sequenza di Fibonacci, ma sono state tratte anche molte altre conclusioni nessuna delle quali è mai stata dichiarata vera dallo stesso Steve.

fibonacci-apple

La sequenza di Fibonacci nel logo Apple


Ma l’importanza per ogni azienda è sapersi continuamente rinnovare ed adeguare ai cambiamenti del mercato. Non avere paura del cambiamento, della novità, dell’investimento in nuove risorse. Ecco ad esempio come si è evoluto il marchio Apple in questi anni: 

evoluzione-logo-apple

Sharing is caring!

12 POST COMMENT
Rate this article
A lezione di branding: il caso Apple
5 (100%) 1 vote

Rispondi

12 Comments
  • 5 agosto 2015

    It’s really a nice and helpful piece of info. I’m glad that you shared this helpful info with us. Please stay us up to date like this. Thanks for sharing.

    Rispondi
  • 5 agosto 2015

    It is not my first time to visit this website, i am visiting this site dailly and get good information from here all the time.

    Rispondi
  • 5 agosto 2015

    Hey There. I found your blog using msn. This is a really well written article. I will make sure to bookmark it and return to read more of your useful information. Thanks for the post. I’ll definitely comeback.

    Rispondi
    • 6 agosto 2015

      Hi, Liliana! Thank you so much for your feedback! It’s really, really appreciated!
      Have a very great day!

      Rispondi
  • Pingback:Google